SLO porta a Verona gli XTC

SLO porta a Verona gli XTC

Venerdì 14 marzo torna l’appuntamento con SLO: nel secondo incontro si rivivono le atmosfere anni Ottanta degli XTC, con l’ascolto dell’album English Settlement

Venerdì 14 marzo, dalle ore 21, lo showroom di Mobiltre, a Bussolengo, ospita il secondo incontro firmato SLO, Slow Listening Organization, iniziativa veronese che si propone di rieducare all’ascolto attento, dopo che l’avvento del digitale ha radicalmente cambiato le modalità di fruizione della musica. Dopo “Heroes”, di David Bowie, protagonista della prossima serata è, English Settlement, storico album del gruppo rock inglese XTC, datato 1982.
Nel corso dell’incontro SLO, dietro cui si celano il designer Luca Rebesani, il direttore artistico Diego Alverà e l’agenzia di comunicazione Pensiero visibile, oltre all’ascolto integrale dell’album in vinile tramite impianto hi-fi vintage, è prevista una presentazione iniziale, allo scopo di contestualizzare l’attività del gruppo inglese sulla scena musicale mondiale dal 1976 al 2005, una lettura dei testi e una degustazione a tema.
SLO – Slow Listening Organization nasce nel 2013 con l’obiettivo di “rieducare” all’ascolto in modalità analogica e all’insegna della piacevole rilassatezza. Un’iniziativa di entertainment culturale in grado di restituire il giusto valore emotivo alla musica e al momento della sua fruizione, che l’ascolto digitale ha contribuito a disperdere con l’avvento di tecnologie che “puliscono” il suono originale e isolano le persone durante l’ascolto. Gli incontri SLO si rivolgono sia agli appassionati di musica e ai semplici curiosi, per cui il ritorno al vinile può costituire un tuffo nei ricordi, ma anche ai giovani nativi digitali, a cui verrà offerta la possibilità unica di entrare in contatto con una modalità di ascolto più ricca e complessa di quella attuale, ma ormai scomparsa.

Programma degli incontri
Venerdì 14 marzo XTC > English Settlement
Venerdì 11 aprile Baustelle > Fantasma
Venerdì 16 maggio Lou Reed > New York

Fonte: Comunicato stampa

Rispondi

Devi essere loggato per postare un commento.